Un giorno Hachi ha un presentimento e cerca di far capire a Parker di non andare al lavoro, inizialmente rifiutandosi di seguirlo alla stazione, poi portandogli da casa la famosa pallina. Con il passare del tempo, tutto il popolo giapponese venne a conoscenza della storia di Hachikō; molte persone cominciarono ad andare a Shibuya solo per vederlo e poterlo accarezzare, mentre attendeva invano il padrone. La bravura del regista consiste nel far vedere gli "umani" attraverso gli occhi e i sentimenti del cane. La vicenda ebbe un enorme riscontro nell'opinione pubblica dell'epoca e ben presto Hachikō divenne, in Giappone, un emblema di affetto e lealtà. Nonostante il passare degli anni e il progressivo invecchiamento, il cane continuò comunque a recarsi alla stazione nel momento in cui il suo defunto padrone sarebbe dovuto arrivare. C'era una volta, nel Giappone degli anni ’20, un professore che adottò un cucciolo. Il film con Richard Gere racconta fedelmente la storia di Hachiko. Hachikō nacque ad Ōdate, nella Prefettura di Akita, il 10 novembre 1923. Parker Wilson è un professore universitario di musica che fa il pendolare per recarsi al lavoro. Vedendo però il legame d'affetto che il cucciolo e suo marito hanno subito instaurato, deve ricredersi. Trova i migliori Film e Serie TV disponibili sulle principali piattaforme di streaming legale. Ken gli spiega che gli akita non vogliono compiacere gli uomini e che il giorno che Hachi vorrà farlo, sarà per un motivo importante. Il tempo passa e Hachi guarda la porta della stazione, stanco e ormai in procinto di morire. A soli due mesi trovò un papà, o meglio un padrone: il professore universitario Hidesaburō Ueno, che lo portò a Shibuya e se ne prese amorevolmente cura. In Italia è stato presentato in anteprima al Festival Internazionale del Film di Roma 2009 e distribuito dalla Lucky Red il 30 dicembre 2009,[4] incassando € 5.349.000.[5]. Nell'aprile 1934, al fedele animale fu dedicata una statua e, negli anni, la sua storia divenne il soggetto di film e di alcuni libri. Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 4 giu 2020 alle 00:28. La commovente storia del cane di razza Akita è diventata nota in tutto il mondo ed è raccontata in fumetti, cartoni, film e libri. Oggi Hachiko, non è più solo, o meglio la sua statua non è più sola. Il cane attese invano il suo arrivo. Hachikō (ハチ公?) I Programmi in tv ora in diretta, la guida completa di tutti i canali televisi del palinsesto. Gordon & Paddy e il mistero delle nocciole, Hotel Transylvania 3 - Una vacanza mostruosa, La ruota del Khadi: l'ordito e la trama dell'India, We Are The Thousand - L’incredibile storia di Rockin’1000, Appassionata di cinema italiano e commedie sentimentali. Palinsesto di tutti i film in programmazione attualmente nei cinema, con informazioni, orari e sale. Uno dei libri che narrano la vicenda di questo bellissimo e tenerissimo cane è Hachiko.Il cane che aspettava. Hachikō Monogatari, invece, immagina un'ipotetica riunione spirituale fra cane e padrone dopo la morte di entrambi. Hachiko morì a 11 anni l'8 marzo del 1932 e si scelse di piangere la sua morte in un giorno di lutto nazionale. È il genero di Parker a riportare Hachi a casa dalla stazione, a sera ormai inoltrata. All'età di due mesi, venne adottato da Hidesaburō Ueno, professore presso il dipartimento agricolo dell'Università Imperiale di Tokyo, che lo portò con sé nella sua abitazione a Shibuya. Inoltre, una delle cinque uscite della stazione di Shibuya è denominata "Hachikō-guchi" ('ingresso Hachikō') in suo onore. Un giorno però, il 21 maggio del 1925, la tenera routine si interruppe: Hidesaburō Ueno morì a causa di un ictus e Hachiko perse il suo grande affetto. Ritrovato in una strada di Shibuya, la sua morte impietosì la comunità nipponica; la notizia venne inserita in tutte le prime pagine dei giornali giapponesi e venne dichiarato un giorno di lutto nazionale per ricordare il suo reiterato gesto di fedeltà nei confronti del padrone.[2]. Hachiko - Il tuo migliore amico (Hachi: A Dog's Tale) è un film del 2009 diretto da Lasse Hallström, basato sulla storia vera del cane giapponese Hachikō e sul film giapponese del 1987 Hachikō Monogatari, del quale è il remake. Sulla medaglietta che porta c'è un ideogramma, Hachi, che significa 8, che diventa il nome del cucciolo. Nella storia tanto del cinema con protagonisti a quattro zampe, quanto del cinema in generale e anche della Festa del Cinema di Roma, pochi film hanno commosso il pubblico fin quasi alla disperazione come Hachiko - Il tuo migliore amico, seconda collaborazione fra Richard Gere e Lasse Hallström. letteralmente cane fedele Hachikō), il suo vero nome era solo Hachi, che in giapponese significa "otto", numero considerato beneaugurante (il suffisso "kō" è usato come vezzeggiativo). L'amico gli rivela che l'Akita non è un cane comune e che il suo legame è più forte di quello di un normale cane col padrone. Durante la lezione in aula di quel giorno, il professore è colto da un malore e muore. Nel '48, Takeshi Andu, il figlio di Teru, ricevette l'incarico di fare un'altra statua, che fu posta, come la precedente, nella stazione di Shibuya. Durante la seconda guerra mondiale il governo giapponese, necessitando di quantità ingenti di metalli per costruire le armi, ordinò di usare pure quello della statua di Hachikō. Da allora, l'ingresso della stazione accanto alla statua si chiama Hachikō-guchi, che significa "L'entrata / uscita di Hachiko". Il titolo di lavorazione è stato Hachi, poi però la produzione ha scelto di chiamare il film Hachi: A Dog's Tale. In questo film, Hachiko è interpretato da due cani di razza Akita Inu: Chico e Forrest. La storia di Hachikō ha avuto lungamente eco anche nella letteratura, comparendo soprattutto in racconti per bambini: fra questi, si citano Hachikō: The True Story of a Loyal Dog, scritto da Pamela S. Turner e illustrato da Yan Nascimbene, Hachiko Waits di Lesléa Newman e infine Taka-chan and I: A Dog's Journey to Japan. Nel marzo del 2019 è uscito un articolo che raccontava di un gatto che, ogni giorno, per un'ora, si accucciava sotto il monumento. Hachiko - Il tuo migliore amico: Il trailer del film con Richard Gere, Pieces of a Woman: il trailer del film con Vanessa Kirby e Shia LaBeouf, Buon compleanno Tom Ellis: 5 curiosità sull'attore che interpreta il magnetico Lucifer Morningstar, Pamela Prati più forte dopo il lockdown: "Il tempo mi darà ragione", Hachiko: chi era il vero cane che ha ispirato il film con Richard Gere. Sulla commovente storia di Hachikō nel 1987 è stato tratto un film, Hachikō Monogatari (ハチ公物語; letteralmente «la storia di Hachiko»), diretto da Seijirō Kōyama, che racconta la storia del cane dalla nascita sino alla morte, immaginando un'ipotetica riunione spirituale con il padrone. L'8 marzo di ogni anno, anniversario della morte del fedele cane, in Giappone, viene organizzata una cerimonia per ricordare Hachikō, alla quale partecipano vari amanti dei cani che portano il loro omaggio alla sua lealtà e alla sua devozione. La gente si accorse presto di lui e iniziò a dargli da mangiare, e il cane divenne una celebrità. [3] Il film ebbe grande successo commerciale, e fu decisivo per la fortuna dello studio cinematografico giapponese Shochiku Kinema Kenkyû-jo.[4][5]. Il signor Ueno aveva dei familiari, ma siccome i cani hanno un solo vero padrone, o meglio riconoscono un solo "capo branco", Hachiko (il cui vero nome era Hachi), stravedeva per l'uomo che lo nutriva e lo portava a passeggio, e a un certo punto prese l'abitudine di accompagnarlo ogni giorno alla stazione - dove il prof. prendeva il treno per andare al lavoro - per poi farvi ritorno quando il padrone rientrava. Nei suoi ultimi istanti rivede la sua vita con Parker e sogna di rincontrarlo, prima di esalare l'ultimo respiro. Hollywood the latest to fall for tale of Hachiko, Dog faithfully awaits return of his master for past 11 years, BEHIND THE FILM "Hachi: A Dog's Tale" Vicki Shigekuni Wong, Company credits for Hachikō monogatari (1987), https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Hachikō&oldid=114362246, Voci con modulo citazione e parametro pagine, Voci non biografiche con codici di controllo di autorità, licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo. Passano 10 anni e Hachi è sempre lì, più vecchio e malconcio ma sempre in attesa di Parker. - P.Iva 01816001000 Testata Giornalistica registrata al Tribunale di Roma n.332 del 11.07.2001, I 70 anni di Carlo Verdone: 40 anni di cinema in 7 film su Prime Video, Tom & Jerry: il primo trailer in italiano del film di animazione classica e live action, La ciociara: l'Oscar di Sophia Loren è su Netflix, 60 anni prima di La vita davanti a sé, Quentin Tarantino firma un contratto per due libri con Harper & Collins. Transformers: il nuovo film che reinventa la saga ha finalmente un regista! Hachikō Monogatari , invece, immagina un'ipotetica riunione spirituale fra cane e padrone dopo la morte di entrambi. [1] Era un esemplare maschio di Akita Inu bianco. Conosciuto anche come Chūken Hachikō (忠犬 ハチ公,? Il film con Richard Gere racconta fedelmente la storia di Hachiko. Hachiko - il tuo migliore amico è un film del 2009 diretto da Lasse Hallström, basato su una storia vera, che racconta il legame affettivo tra un cane e il suo padrone. La moglie Kate è inizialmente contraria a tenere il piccolo Akita Inu per via del legame stabilito col precedente cane di casa, e invita Parker ad affiggere volantini per la cittadina, in modo da ritrovare il proprietario del cucciolo. La distribuzione nelle sale è partita l'8 agosto in Giappone, mentre negli Stati Uniti la pellicola è stata distribuita il 18 dicembre. Nonostante i segnali, il professore prende il treno, sotto lo sguardo preoccupato del cane. A ispirarlo è stata una storia vera, conosciuta dal Giappone intero e che è stata già narrata da un film del 1987 intotolato Hachikō Monogatari e diretto da un regista nipponico. Un'altra simile venne eretta a Ōdate, la sua città natale; lo stesso cane fu presente all'inaugurazione. Hachi è molto legato a Parker, tanto che arriva ad accompagnarlo ogni mattina alla stazione per poi tornarvi alle 5 di pomeriggio per accoglierlo. Con il passare del tempo, il capostazione di Shibuya e le persone che prendevano quotidianamente il treno iniziarono ad accorgersi di lui e cercarono di accudirlo, offrendogli cibo e riparo. Ciononostante, tornò alla stazione il giorno seguente e fece così pure nei giorni successivi. Hidesaburō Ueno, il vero padrone di Hachikō, non era insegnante di musica, ma di agro-ingegneria del terreno all'Università Imperiale di Tokyo. Marina Speziali, Giapponese. Nonostante il corpo di Hachikō sia stato preservato tramite tassidermia ed esposto al Museo Nazionale di Natura e Scienza, situato a nord-ovest della stazione, alcune sue ossa sono sepolte nel cimitero di Aoyama, accanto alla tomba del professor Ueno. Per le riprese di Hachi da cucciolo sono stati utilizzati dei cani di razza Shiba Inu invece che cani Akita Inu in quanto per esigenze di copione sarebbe risultato difficile eseguire alcune scene, come ad esempio quella del cucciolo nello zaino. Hachiko è un film reale e piacevole,non tratta di un cane con superpoteri, che parla, vola o quantaltro di irreale;ci fa vivere il rapporto unico che si crea tra uomo e cane quando questi due esseri si amano e si comprendono. Il suo fedele cane lo accompagnava sempre e, quando il professore rientrava dalla giornata lavorativa, ritornava alla stazione ad aspettarlo. La trovata, forse pubblicitaria, non è stata gradita dai più, che hanno accusato l'uomo di abuso sugli animali. Nel 1948, tre anni dopo la fine del conflitto, Takeshi Ando, figlio di Teru, ricevette la commissione di scolpire una nuova statua raffigurante il cane, sempre nello stesso posto di quella precedente. Oggi ci è venuta voglia di raccontarvela per bene, quindi, prendete i fazzoletti! Nel tempo sono state erette numerose altre statue e ogni anno, l'8 di marzo, si svolge, sempre nella stazione di Shibuya, una cerimonia in onore di Hachiko. Nel 2009 è stato prodotto un remake: Hachiko - Il tuo migliore amico, diretto da Lasse Hallström che narra del vincolo di amicizia tra Hachikō ed un professore degli Stati Uniti, praticamente seguendo lo stesso filo narrativo. Un giorno, Parker porta il cucciolo a scuola e chiede all'amico Ken, di origine giapponese, alcune informazioni al riguardo. Apparteneva, e appartiene, a un pensionato che lo lasciava là "per dare conforto alle persone". Dopo la morte improvvisa di Ueno, il cane si recò ogni giorno, per quasi dieci anni, ad attenderlo, invano, alla stazione di Shibuya, dove l'uomo prendeva abitualmente il treno per recarsi al lavoro. Cruccio di Parker è il comportamento anomalo di Hachi che non vuole giocare con la palla: non c'è verso di fargliela riportare. Nessuno poteva spiegare all'animale cosa fosse successo, né lui comprenderlo, e così continuò a recarsi alla stazione aspettando il padrone. Altre località usate per le riprese sono la University of Rhode Island di Kingston, lungo la Providence and Worcester Railroad e al Columbus Theater di Providence.[3]. La colonna sonora è opera di Jan Andrzej Paweł Kaczmarek. Andy capisce che non può trattenerlo e lo lascia libero di fare quello che "deve". Una sera, al suo ritorno in stazione, trova un cucciolo di akita smarrito e decide di portarlo a casa per accudirlo in attesa che il padrone venga a reclamarlo. Il film è stato girato nel 2008, ma la prima proiezione è avvenuta soltanto il 13 giugno 2009 al Seattle International Film Festival. Razza del cane Hachiko. Quando nel 2009 il grande pubblico ha conosciuto la storia, teneramente raccontata nel film “Hachiko – Il tuo migliore amico” con Richard Gere, lo splendido cane che ne era protagonista diventò simbolo della fedeltà che queste creature possono nutrire ne Hachi [八] in giapponese significa otto:[1] il cane viene chiamato così per via di una medaglietta di legno portata al collo nella quale è rappresentato il numero otto in caratteri giapponesi; il kō [公] finale, il cui significato non viene spiegato nel film, è un suffisso che può indicare il rispetto per persone di alto rango, oppure affettuosità o leggero scherno dopo i nomi di persona e animale.[2]. Hachiko - Il tuo migliore amico (Hachi: A Dog's Tale) è un film del 2009 diretto da Lasse Hallström, basato sulla storia vera del cane giapponese Hachikō e sul film giapponese del 1987 Hachikō Monogatari, del quale è il remake. L'anno precedente lo scultore Teru Andu aveva realizzato una statua in bronzo di Hachiko, che venne poi fusa, durante la Seconda Guerra Mondiale, perché c'era bisogno di armi. Nell'aprile 1934, venne realizzata, per opera dello scultore Teru Ando, una statua in bronzo con le sue sembianze, posta alla stazione di Shibuya. L'8 marzo 1935 Hachikō morì di filariasi, all'età di undici anni, dopo aver atteso ininterrottamente per quasi dieci anni il ritorno del suo padrone. Vediamo quali, John Boyega pronto a diventare James Bond, ma a un patto. Il film ebbe grande successo commerciale, e fu decisivo per la fortuna dello studio cinematografico giapponese Shochiku Kinema Kenkyû-jo. Il corpo del cane fu preservato tramite tassidermia ed esposto al Museo Nazionale di Natura e Scienza, ma alcune ossa vennero sepolte nel cimitero di Aoyama, accanto alla tomba del professor Ueno. Hachiko era un Akita Inu bianco che nacque, il 10 novembre del 1923, in una fattoria di Ōdate, nella prefettura di Akita. Ogni giorno Hachi si reca alla stazione e aspetta: i pendolari e i negozianti locali lo nutrono e se ne prendono cura senza mai interferire con la sua missione. La vita straordinaria di David Copperfield, ©2001 - 2020 Anicaflash S.r.l. La maggior parte del film è stata girata a Bristol e Woonsocket, nel Rhode Island. Ma all'inizio del film, è interpretato da un cucciolo di Shiba Inu di nome Leyla. (Ōdate, 10 novembre 1923 – Shibuya, 8 marzo 1935) fu un cane di razza Akita, divenuto famoso per la sua grande fedeltà nei confronti del suo padrone, il professor Hidesaburō Ueno, agronomo giapponese. Kate, che se n'era andata via per un po' di anni, torna e si reca sulla tomba del marito per rendergli omaggio e, condotta da Ken alla stazione, incontra il cane ancora in attesa: capisce che il rapporto tra i due amici era superiore a quello fra cane e padrone e, commossa dalla fedeltà di Hachi, gli fa compagnia. Sulla commovente storia di Hachikō nel 1987 è stato tratto un film, Hachikō Monogatari (ハチ公物語; letteralmente «la storia di Hachiko»), diretto da Seijirō Kōyama, che racconta la storia del cane dalla nascita sino alla morte, immaginando un'ipotetica riunione spirituale con il padrone. Questa pagina è stata modificata per l'ultima volta il 16 lug 2020 alle 11:56. Il professor Ueno, pendolare per esigenze di lavoro, ogni mattina si dirigeva alla stazione di Shibuya per andare al lavoro prendendo il treno. La figura di Hachi inizia ad attirare l'attenzione dei giornali e la sua storia fa il giro del paese, giungendo a Ken che decide di incontrarlo di persona e parlare con lui, in giapponese, del suo dolore e augurandogli una lunga vita. Dizionario degli ideogrammi, Antonio Vallardi Editore, Milano (2011), p.19, Filming locations for "Hachiko: A Dog's Story", Festival Internazionale del Film di Roma 2009, https://it.wikipedia.org/w/index.php?title=Hachiko_-_Il_tuo_migliore_amico&oldid=113450359, licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo, Inferno Distribution, Grand Army Entertainment, Opperman Viner Chrystyn Entertainment, Scion Films, Stage 6 Films. Gere azzeccato. Andy, la figlia di Parker, e suo marito Michael decidono di tenere Hachi nella loro casa, con il loro figlio appena nato, ma alla prima occasione il cane scappa e ritorna alla stazione per aspettare l'amico. Il 21 maggio 1925 Ueno morì improvvisamente, stroncato da un ictus mentre era all'università, durante una lezione. Hachikō, come ogni giorno, si presentò alla stazione alle cinque del pomeriggio (orario in cui il suo padrone solitamente arrivava), ma il professor Ueno non si fece vedere. Lo fece per 9 anni, 9 mesi e 15 giorni, non sbagliando mai l'orario nemmeno di un minuto.